Categorie

Iscriviti alla Newsletter

Le scuole sono iniziate ormai da una settimana e sono moltissimi gli studenti che hanno deciso di portare anche tra i banchi di scuola le loro abitudini. Sto parlando di Tik Tok, il social network che spopola tra i giovanissimi e che consiste nel postare video originali o pure prendere parte a delle challenge e riuscire a diventare “famosi”. Follower, like e tendenze, i teens sono super esperti di questo social network che speravano di poterlo tenere nascosto “ai grandi” ma, non è così. Sono di fatto molti gli over 18 che stanno iniziando a interessarsi a questo social network, oltre ai brandi e grandi marchi.

La nuova “tendenza”

La prima settimana di scuola si è conclusa senza troppi intoppi, nuove regole, distanziamenti, ingressi scaglionati, autobus strapieni. Qualcosa è cambiato e qualcosa no. Di certo gli studenti però hanno iniziato ben presto a sentire la mancanza del loro passatempo preferito: Tik Tok. Sul social network infatti verso giovedì si potevano vedere dei video dove, un fermo immagine di una studentessa, veniva animato solo con la proiezione di occhi e bocca del tiktoker mentre in sottofondo c’era la melodia tormentone “Me bate Zum Zum Zum” cover della pubblicità “Miel Pops”. Il tutto accompagnato dalla scritta “Io in classe dopo mesi su Tik Tok”. L’astinenza si è fatta sentire e da oggi infatti, sui social network, si potevano vedere numerosi studenti in live mentre stavano “seguendo” la lezione a scuola. Per la maggiore erano ragazze, alcune si limitavano ad abbassare la mascherina e sorridere ai followers, altre rispondevano pure alle domande che, in entrambi i casi erano quasi le stesse: “Ma sei pazza?”, “Ma la prof/il prof/la maestra non ti sgrida?”, “Alzi la mano e chiedi di andare al bagno?”, “Mi saluti?”, “Ma perché la live?”. Forse la cosa sta sfuggendo di mano…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Rispettare il lavoro altrui

Gio Nov 19 , 2020
Una partita persa… Servirebbe un po’ di rispetto Lo so, lo so. Da quando sono nati i forum, i blog, i siti con la possibilità […]